sabato 1 agosto 2009

Buone notizie dalla Regione per Vicenza: in arrivo fondi per l’area ex Zambon

Buone notizie per la città di Vicenza sono arrivate oggi a Palazzo Trissino da Venezia. Nella seduta di Consiglio regionale di ieri, infatti, grazie agli emendamenti presentati dai consiglieri regionali vicentini Claudio Rizzato e Giuseppe Berlato Sella, assieme ad altri consiglieri di minoranza, è stato approvato l’assestamento di bilancio che assegna 500 mila euro al Comune di Vicenza per interventi di tutela ambientale nell’area ex Zambon, altri 250 mila euro per le manifestazioni e le istituzioni culturali “Palladio infinito” e, infine, 50 mila euro per la scuola musicale per voci bianche “Pueri cantores”. Quest’ultimo contributo, tra l’altro, ha potuto essere finanziato sulla scorta di un articolo di legge che fu elaborato dallo stesso Achille Variati, all’epoca consigliere regionale.
L’assessore regionale al bilancio Isi Coppola, infine, sempre nella seduta di ieri, ha reso noto al Consiglio l’impegno dell’assessore regionale alle politiche per la mobilità, Renato Chisso, a finanziare con propri capitoli di bilancio il proseguimento della sperimentazione dell’ingresso gratis in A31 per quei tir che invece di attraversare il nodo dell’Albera a Vicenza scelgono di percorrere l’autostrada tra Vicenza Ovest e Thiene-Schio.
“La buona notizia arriva proprio quando i fondi stanziati dalla Regione erano ormai finiti – commenta soddisfatto il sindaco Variati -. Ciò consente quindi di continuare ad alleggerire dal traffico pesante la Strada Pasubio SP46: gli studi sui flussi di traffico, infatti, dimostrano che, grazie agli incentivi, una parte di mezzi pesanti preferiscono l’autostrada anziché transitare per il nodo dell’Albera. A partire da lunedì tuttavia – aggiunge il sindaco – le agevolazioni potrebbero risultare sospese per qualche giorno. Serve infatti che la comunicazione arrivi formalmente alla Società Autostrada dalla Regione. Le associazioni di categoria sono comunque già state informate”.

video

Nessun commento:

Posta un commento